Elise Meitner

Approfondimenti

Pozzanghera

L’olio non forma una soluzione omogenea con l’acqua poichè galleggia in quanto meno denso del liquido. La luce che giunge sulla superficie dell’olio, in parte viene riflessa e torna indietro, in parte attraversa l’olio e raggiunge l’acqua. Lo stesso fenomeno si ripete quando la luce viene a contatto con l’acqua. Osservando, si vedono i due raggi di luce distinti e sfasati poichè quello che non è stato riflesso dall’olio percorre uno spazio maggiore. I due raggi riflessi possono o sommarsi (interferenza costruttiva) o sottrarsi (interferenza distruttiva). Il secondo caso avviene solo quando la lunghezza d’onda della luce è uguale al doppio della differenza di percorso tra i due raggi riflessi. Il colore corrispondente a quella lunghezza d’onda viene cancellato e quindi esso appare di tutti gli altri colori. Questo avviene per ogni punto della superficie, dando origine all’arcobaleno.

Marie Curie

Marie Curie

Marie Curie

Maria Skłodowska, più conosciuta come Marie Curie, è nata a Varsavia il 7 novembre1867, ed è stata una chimica e fisica. Nel 1903 riceve il premio Nobel per la fisica, assieme al marito Pierre Curie e ad Antoine Henri Becquerel e, nel 1911, quello per la chimica. Si laurea alla Sorbona in chimica e fisica ed è la prima donna ad insegnare nell'università parigina. Si dedica allo studio del radio e del polonio. Negli ultimi anni della sua vita viene colpita da una grave forma di anemia, quasi certamente contratta a causa delle lunghe esposizioni alle radiazioni di cui, all'epoca, si ignorava la pericolosità. Morì nel 1934.

Albert Einstein

Albert Einstein

Albert Einstein

Albert Einstein nasce ad Ulma il 14 marzo 1879 ed è stato un fisico e un filosofo tra i più importanti del XX secolo. La sua scoperta più importante è la teoria della Relatività ristretta (o Relatività speciale). Tra il 1914 e il 1933 effettua alcune ricerche sulla meccanica statistica e sulla teoria della radiazione. Nel 1915, anno importante per la fisica teorica, Einstein propone una teoria relativistica della gravitazione, indicata come Relatività Generale, che descrive le proprietà dello spazio-tempo a quattro dimensioni. Secondo tale teoria la gravità è la manifestazione della curvatura dello spazio-tempo: Einstein ha dedotto le equazioni del moto da quelle della relatività speciale valide localmente in sistemi inerziali e il modo in cui la materia curva lo spazio-tempo imponendo l'equivalenza di ogni possibile sistema. Nel 1917 dimostra il legame esistente tra la legge di Bohr e la formula di Planck dell'irraggiamento del corpo nero. Nel 1921 ottiene il Premio Nobel per la Fisica. Negli ultimi anni di vita tenta di unificare le forze fondamentali allora note, cioè la gravità e l'elettromagnetismo ignorando la forza nucleare debole e la forza nucleare forte. Muore il 18 aprile 1955. Negli ultimi anni della sua vita, Einstein ha espresso verbalmente il desiderio di mettere il proprio corpo a disposizione della scienza. Dopo la sua morte, Thomas Stoltz Harvey, il patologo che ha effettuato l'autopsia, ha rimosso il cervello e lo ha conservato a casa propria per circa 30 anni. Il resto del corpo è stato cremato e le ceneri sono state disperse in un luogo segreto. I parenti di Einstein hanno dato il consenso di sezionare il cervello dello scienziato in 240 parti da consegnare ad altrettanti ricercatori. La parte più grossa del cervello è custodita nell'ospedale di Princeton.

Ludwig Boltzmann

Ludwig Boltzmann

Ludwig Boltzmann

Ludwig Eduard Boltzmann nasce a Vienna il 20 febbraio 1844. È stato uno dei più grandi fisici teorici di tutti i tempi e la sua fama è dovuta alle ricerche compiute nel campo della termodinamica e della meccanica statistica. È uno dei primi scienziati ad usare le leggi della probabilità e della statistica per studiare il comportamento delle particelle. E’ un personaggio controverso e le sue idee innovative sono spesso fonte di fraintendimenti poichè esse sono molto avanzate rispetto al suo tempo. Ama in particolare la matematizzazione più estrema che gli valse il soprannome di "terrorista algebrico". Si toglie la vita il 5 settembre 1906 a Duino dove si trovava in vacanza con la famiglia.

Max Planck

Max Planck

Max Planck

Karl Ernst Ludwig Marx Planck, detto Max, nasce a Kiel il 23 aprile 1858 ed è uno dei personaggi più rivoluzionari nel campo della fisica, che ha posto le basi della fisica moderna. Infatti la teoria dei quanti da lui ideata, ha permesso di dare una spiegazione alle curve della radiazione di un corpo nero, mentre i tentativi della fisica classica erano sempre falliti. Egli ipotizza che la radiazione elettromagnetica venga emessa o assorbita secondo quantità multiple e intere di una quantità fissa detta quanto di energia. Essa è proporzionale alla frequenza della radiazione elettromagnetica secondo la relazione E=h*ν. H è la costante di proporzionalità, chiamata costante di Planck e ν è la frequenza. Insegna per molti anni in varie università tedesche e dirige il Kaiser Wilhelm Institut a Berlino. Nel 1918 vince il premio Nobel per la fisica. Muore il 4 ottobre 1947 a Gottingen.

Niels Bohr

Niels Bohr

Niels Bohr

Niels Henrik David Bohr nasce a Copenaghen il 7 ottobre 1885 è un fisico e matematico danese che dà contributi essenziali nella comprensione della struttura atomica e nella meccanica quantistica. Si laurea all'Università di Copenaghen nel 1911 e poi si trasferisce all'Università di Manchester, in Inghilterra, dove collabora con Ernest Rutherford del quale migliora le teorie, pubblicando un nuovo modello della struttura atomica, grazie agli studi sullo spettro di emissione a righe discontinue dell’atomo di idrogeno. Le caratteristiche principali sono le seguenti:

Lo spettro di emissione si forma quando un elettrone, che si trova allo stato fondamentale ovvero al livello minimo di energia, viene sollecitato e passa ad un livello energetico superiore; quando tale sollecitazione termina la particella subatomica ritorna allo stato fondamentale, liberando energia sotto forma di radiazioni che danno origine allo spettro a righe. Diviene professore all'Università di Copenaghen e direttore dell'istituto di fisica teorica. Nel 1922 riceve il Premio Nobel per la fisica. Muore il 18 novembre 1962 a Copenaghen.

Spettri di emissione a righe dell' idrogeno

Spettri di emissione a righe dell'idrogeno

Otto Hahn

Otto Hahn

Otto Hahn

Otto Hahn nasce l'8 marzo 1879 a Francoforte sul Meno. Nel 1897 Hahn inizia gli studi di chimica e mineralogia presso l'Università di Marburgo Il 28 settembre 1907, una data che può dirsi fondamentale nella storia della ricerca atomica, conosce la fisica Lise Meitner. Durante la prima guerra mondiale Hahn andò militare e venne assegnato all'unità chimica speciale per la guerra, comandata da Fritz Haber. Compito di questa unità era di sviluppare, testare e produrre gas tossici per fini bellici. Nel dicembre 1916, riprende il suo lavoro presso l'Istituto di chimica di Berlino. Nel 1917-18 isola, assieme a Lise Meitner, un elemento radioattivo denominato proto-attinio. Assieme a Lise Meitner, Hahn continua i lavori di ricerca iniziati, nel 1934, dal fisico italiano Enrico Fermi con il bombardamento dell'uranio con neutroni. Sulla base dell'esperimento decisivo del 17 dicembre 1938 (il famoso "frazionamento radio-bario-mesotorio"), Otto Hahn conclude che si tratta di una "esplosione" del nucleo di uranio in nuclei atomici di medio peso. Scopre quindi la fissione dell'uranio. A causa dello scoppio della bomba atomica su Hiroshima, Otto Hahn, come scopritore della fissione nucleare, si sente corresponsabile della morte e della sofferenza. Nel 1945 l'Accademia Reale Svedese assegna ad Hahn il Premio Nobel per la Chimica 1944 (secondo la motivazione ufficiale, "per la sua scoperta della fissione di atomi nucleari pesanti"). Otto Hahn viene più volte candidato al Premio Nobel per la Pace Muore il 28 luglio 1968 a Gottinga In suo onore e in sua memoria sono stati istituiti i seguenti riconoscimenti: il Premio Otto Hahn, la Medaglia Otto Hahn e la Medaglia Otto Hahn per la Pace.

Otto Robert Frisch

Otto Robert Frisch nasce a Vienna il primo ottobre 1904. È un fisico austriaco, nipote di Lise Meitner e collaboratore di Niels Bohr con i quali elabora la teoria sulla fissione nucleare dell’uranio. Nel 1940 progetta il primo dispositivo teorico per l’esplosione di una bomba atomica. Si laurea all’università di Vienna in fisica e conduce le sue ricerche a Berlino e ad Amburgo. In seguito, presso l’Istituto di fisica teorica di Copenaghen, approfondisce le sue conoscenze in fisica nucleare e soprattutto quelle riguardanti i neutroni. Al termine della Seconda Guerra Mondiale, nel 1946, ottiene l’incarico di direttore del dipartimento di fisica nucleare e poi la cattedra di fisica all’università di Cambridge. Muore il 22 settembre 1979.

Il premio Nobel

Il premio Nobel è ritenuto il riconoscimento di maggior prestigio a livello mondiale. Prende il nome da Alfred Nobel (Stoccolma, 1833 - San Remo 1896), inventore della dinamite, che con il suo testamento ha lasciato parte del suo patrimonio ad una fondazione al fine di istituire un premio di pari valore in ambito scientifico (fisica, chimica, medicina), letterario e per la pace. Un sesto premio è stato istituito nel 1969 per l’economia. La cerimonia di assegnazione di tutti i premi, tranne quello per la pace, che viene consegnato ad Oslo, si tiene ogni anno presso l'Accademia Reale di Musica di Stoccolma il 10 dicembre, data dell'anniversario di morte di Alfred Nobel e dal 1902 vengono assegnati dal Re di Svezia. Oltre al riconoscimento formale, vengono consegnati 10 milioni di corone svedesi (circa 1 milione di euro) che originariamente servivano per permettere al laureato di continuare la propria ricerca.

Le armi chimiche

Simbolo utilizzato per indicare le Armi Chimiche

Simbolo utilizzato per indicare le Armi Chimiche

Le armi chimiche sono sostanze chimiche utilizzate a fini bellici a causa dei loro effetti tossici. Lo studio di tali armi inizia nel periodo precedente alla Prima Guerra Mondiale e continua dopo la Seconda. Nel 1925 il Protocollo di Ginevra ha proibito l’uso di queste armi e nel 1972 la Convenzione sulle armi biologiche e tossiche ne ha vietato la produzione, il commercio e il possesso senza però prevedere misure di controllo, che sono state introdotte nel 1993 dalla Convenzione sulle armi chimiche, entrata in vigore nel 1972. Sono chiamate anche "Silent Weapons" perché non è possibile accorgersi della loro presenza fino a quando iniziano a manifestarsi gli effetti. Vengono studiate in funzione di:

Per quanto riguarda la pericolosità si dividono in:

Il premio Enrico Fermi

Il premio Enrico Fermi è stato istituito nel 2001 dalla Società Italiana della Fisica in occasione del centenario della nascita dello scienziato. Viene attribuito ogni anno ad un fisico che si è distinto per le sue scoperte.

Meitnerium

Il Meitnerium è un elemento chimico con simbolo Mt e numero atomico 109. È un metallo di transizione, il più pesante del gruppo 9 oVIII della tavola periodica. È stato sintetizzato per la prima volta nel 1982. Sono stati scoperti numerosi isotopi, il più stabile è Mt-278.

Tavola periodica degli elementi tratta da Wikipedia

Tavola periodica degli elementi tratta da Wikipedia